Curare le ferite invisibili: nasce lo sportello d’ascolto e supporto psicologico di “Ampio Raggio”

Il Covid-19 non è solo il virus, ma anche l’isolamento a cui spesso costringe. In un periodo delicato come questo l’Associazione Ampio Raggio ha deciso di aiutare non solo con donazioni, ma anche mettendo cuore ed orecchie a disposizione di chi vuole combattere la solitudine e la distanza creata dalla pandemia.
Con questo spirito d’iniziativa è stato aperto lo “Sportello di ascolto e supporto psicologico”. Un servizio gratuito che vuole sostenere e sollevare lo spirito di tutti: famiglie, adulti e ragazzi, che in questo delicato periodo emergenziale hanno bisogno di uno “spazio” e di una persona che gli dia ascolto.
Per accedere al servizio, disponibile sia online che in sede, è necessario inviare una mail all’associazione all’indirizzo associazioneampioraggio@gmail.com
“L’empatia fra le persone è come l’acqua nel deserto: si incontra di rado, ma quando capita di trovarla ti calma e ti rigenera”.

S.P.UN.T.O. – Psicologi Uniti sul Territorio: ascolto e supporto psicologico contro lo stress da Covid

S.P.UN.TO. è un progetto realizzato da un’equipe di psicologi campani in collaborazione con le associazioni di promozione sociale “La livella a.p.s” e “Nives a.p.s”. L’ attuale stato di pandemia ha portato nelle vite di tutti un carico di ansie e angosce, che a volte può diventare così pesante da compromettere seriamente la qualità della vita. Come professionisti della salute mentale siamo chiamati a intervenire attraverso l’attivazione di uno sportello di supporto psicologico sia in modalità online che in presenza, a seconda delle esigenze del singolo individuo.

I costi di un percorso psicologico, oggi, sono spesso insostenibili per l’utente, soprattutto in un momento storico così difficile e precario come quello che il Paese sta attraversando. Per questo motivo il servizio prevede quattro colloqui gratuiti di cui la persona può usufruire, occasione nella quale il team di professionisti di cui S.P.UN.TO si avvale, grazie a strumenti e competenze maturate in anni di esperienza, accoglierà le domande e i bisogni degli utenti, al fine di migliorare il loro benessere psico-sociale.

Grazie alla piattaforma di crowdfunding “GoFundMe”, è stata lanciata una campagna di raccolta fondi online a cui può partecipare chiunque avesse voglia di donare e finanziare il progetto. Il ricavato sarà utilizzato per sponsorizzare l’iniziativa e raggiungere, dunque, una vasta fascia della popolazione, oltre a pagare il servizio degli operatori impegnati nello sportello.

Segui S.P.UN.TO. su: FB: @Spunto – Psicologi Uniti Sul Territorio IG: @psicologispunto TW: SPsicologi

“A Scampia un tetto per la notte”. L’iniziativa dell’Associazione (R)Esistenza Anticamorra

Come ogni anno presso l’Officina delle Culture “Gelsomina Verde”, bene confiscato alla camorra, negli spazi gestiti dall’associazione (R)Esistenza Anticamorra, presieduta da Ciro Corona, per fare fronte all’emergenza metereologica e alle temperature rigide, sarà allestito uno spazio attrezzato notturno, affinché, chiunque dovesse averne bisogno, possa trascorrere la notte al riparo e non per strada, al freddo. L’accesso ai locali sarà possibile a partire dalle ore 18:00 di ogni giorno. Per informazioni è possibile telefonare allo 338 903 6815.

Sono inoltre disponibili coperte per nuclei familiari indigenti che possono essere ritirate presso i locali dell’associazione a Napoli, rione Scampia, in via Arcangelo Ghisleri – lotto P5.

Officina delle voci:il progetto di Univoc Napoli per tenere compagnia alle persone non vedenti

Prenderà il via dal prossimo 11 gennaio 2021 una innovativa modalità per offrire intrattenimento e compagnia alle persone non vedenti, soprattutto a coloro che sono poco avvezzi alla tecnologia essendo diventati ciechi in età adulta o anziana.

Basterà una semplice telefonata e gli utenti non vedenti potranno accedere,  attraverso la piattaforma zoom, alle attività del progetto Officina delle voci.

La nascita di Officina delle voci  – ha commentato Salvatore Petrucci , Presidente di Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi  UNIVOC di Napoli – è il risultato di uno straordinario lavoro di squadra portato avanti con grande entusiasmo da parte di tutti e in un tempo straordinariamente breve. Credo che  – per posizionamento e tipologia del palinsesto –  abbia tutte le caratteristiche per rappresentare una proposta innovativa nel panorama dell’offerta di intrattenimento per le persone non vedenti”.

Tra le proposte di intrattenimento ci sarà lettura (a cura dei Volontari della Libreria IociSto ), musica (a cura di Lucio Sigillo), cucina e tradizioni  (a cura di Maria Salaris), sport (a cura di Giovanni Colonnese ), Libro Parlato (a cura  di Silvana Piscopo) , film audio descritti (a cura di Ascolto Libero) e tutto grazie alla forza delle diverse e straordinarie personalità che hanno aderito al progetto e che partecipano con le loro professionalità e grazie alla creatività e all’energia dei Volontari del Servizio Civile dell’Univoc.

Vogliamo continuare a renderci utili – prosegue Petrucci – in un momento tanto complesso e delicato, in cui  il distanziamento fisico , a causa del Covid-19, ha reso impossibile la fruizione dei servizi  da sempre offerti da Univoc  ai non vedenti . Abbiamo a cuore , in particolare ,  di raggiungere gli anziani e , successivamente, i bambini, che ci sembrano più disarmati, penalizzati maggiormente dalla mancanza di strutturazione e conoscenza tecnologica, e che restano inevitabilmente isolati.”

Questa iniziativa si propone di offrire un momento di comunità e supporto, per rendere meno duro il periodo di restrizioni, in cui tutti ci sentiamo smarriti , perché l’emergenza Coronavirus non può e non deve interrompere l’importante dialogo vitale  e non possiamo perdere la preziosa  opportunità di trasformazione, solidarietà  e coesione sociale.

Per informazioni :

Univoc di Napoli

081 19915172

081 19915173

Mail : info@univocdinapoli.org

FB :   Univoc di Napoli onlus

Solidarietà. Acli Provinciale di Napoli, l’artista M’Barka Ben Taleb e l’editore Giammarino scendono in campo per il Natale delle guide turistiche e degli artisti di strada.

Nelle strade semideserte di questo Natale, è difficile trovare lo spirito di quelli precedenti: manca la gioia e la luce delle comitive di turisti, da una parte, delle guide e degli artisti di strada, dall’altra.
Con le restrizioni dovute alla pandemia, comunque la si pensi, è venuta a mancare la vita palpitante di una città che rendeva attrazione turistica le melodie nei vicoli e gli originali oggetti realizzati a mano dagli artigiani: in una parola “l’identità di un popolo” che non trova confronti.
Una situazione che, prolungandosi nei tempi, ha aumentato le difficoltà appunto, sia di quegli artisti e piccoli artigiani che lavorano in strada, sia delle guide turistiche; soggetti che hanno perso la fonte principale della loro sopravvivenza, in gran parte basata sulle offerte dei passanti. Una categoria oramai ridotta al minimo.
Proprio dalla presa d’atto di questa situazione di estrema difficoltà è partita una nuova iniziativa dalle ACLI Provinciale di Napoli con la sua sezione Beni Culturali, tramite il responsabile della segreteria Pasquale Gallifuoco, che nella presidenza napoletana ha  anche la delega alla povertà.
Con la partecipazione dell’artista M’Barka Ben Taleb, testimonial dell’operazione, e con l’editore Gino Giammarino, ritratti dagli scatti del fotografo ufficiale Pasquale Mallardo, ACLI Beni Culturali di Napoli ha deciso di dare la possibilità di ricevere un pacco alimentare per le categorie di cui sopra, che si potrà ritirare presso la sede provinciale di Napoli ubicata in Via del Fiumicello n° 7, chiamando allo 081 5634967 per prenotarsi. Nel pacco si troverà anche un libro donato dall’editore Gino Giammarino il quale, ritenendo che insieme al corpo va nutrita anche la mente, ha deciso di contribuire in questo modo alla lodevole iniziativa, come gli scatti del fotografo Pasquale Mallardo, anch’essi donati gratuitamente.
Un ringraziamento particolare va alla Caritas – Diocesi di Napoli, Comitato Assistenza Istituti Religiosi (CAIR) che con il suo contributo attivo ha reso possibile il concretizzarsi di questa iniziativa, in merito alla quale hanno commentato:

Maurizio D’Ago (Presidente Provinciale ACLI Napoli): Questa iniziativa persevera e rafforza l’azione solidale della nostra Associazione. Un’azione che assume un ruolo determinante, soprattutto in un periodo così complicato e difficile per le persone, che una classe politica “distratta” sembra dimenticare, troppo presa da beghe e discussioni interne ai Palazzi”.

Pasquale Gallifuoco: “La povertà, intesa come l’umiltà che vuole insegnarci, è qualcosa di insito nel Natale, ma purtroppo è una condizione che va allargandosi in maniera preoccupante, anche in alcune categorie che fino ad oggi non sembravano poter avere problemi di sopravvivenza. Di qui la decisione della nostra iniziativa natalizia, che va ad integrare la nostra attività solidale che si spalma in tutto l’arco dell’anno”.

M’Barka Ben Taleb: “Il Mediterraneo è ricchezza, cultura, democrazia, storia, religioni diverse che si rispettano tra loro. A Natale dovremmo essere tutti quanti dei “re magi”, perché il suo senso sta in due parole: donare ed amare”.

Gino Giammarino: “Quando gli amici Pasquale Gallifuoco e M’Barka Ben Taleb, essendo un socio ACLI, mi hanno chiamato per un supporto nella comunicazione, mi è venuto subito in mente che al nutrimento del corpo va unito anche quello dell’anima, delle idee e della mente. Mai come oggi che siamo tutti chiusi in casa, ho proposto così di allegare anche un libro donato dalla mia casa editrice”.

Regalo di Natale sospeso per bambini e anziani

Quest’anno le associazioni AIMA e ANIMA, nell’ambito del ventennale progetto “AIMA…Amiamoci”, festeggiano il Natale consegnando giochi e pacchi regalo a bambini, adolescenti e anziani più soli del Comune di Napoli, di Bacoli, Monte di Procida e Pozzuoli per regalare loro un sorriso, una carezza, un abbraccio, anche se a distanza.

Il progetto è sostenuto da alcuni sponsor come Fondazione Intesa San Paolo, Pasta Reggia, la RSA Marigold e altri che son voluti rimanere donatori anonimi. Un grande contributo è arrivato anche dai familiari dei pazienti AIMA, che hanno acquistato giocattoli e regali di vario genere per le famiglie in difficoltà.

Tanti i volontari AIMA che stanno collaborando alla raccolta e al confezionamento dei pacchi regalo che potranno essere ritirati, previo appuntamento telefonico, da quelle famiglie che ne hanno fatto richiesta:

  • Il 21 dicembre presso la Casa AIMA di Pozzuoli (10:00-16:00)
  • Il 22 dicembre presso la Casa AIMA di Bacoli (10:00-13.00)

Mentre per chi non potrà effettuare il ritiro, i prossimi 17 e il 18 dicembre con il pulmino solidale di Enel Cuore i volontari di AIMA effettueranno la consegna a domicilio dei pacchi regalo.

Il progetto è patrocinato dal Comune di Napoli, di Pozzuoli, di Bacoli e di Monte di Procida.

Per maggiori informazioni

www.aimanapoli.it

info@aimanapoli.it

+ 39 3510680939

+ 39 3917149037