Un orgoglio che #NONPASSA: firma per il ddl Zan

Nel 2021 viene finalmente discusso in parlamento un disegno di legge per contrastare la discriminazione che include in modo esplicito anche le forme di odio contro la comunità Lgbtqia+, la misoginia e l’abilismo.

E non passa. Non passa neanche la necessità di cambiamento. Non passano l’orgoglio, l’amore, la rabbia, la paura, la speranza.

Nel mese di ottobre 2021, il ddl Zan (chiamato così perché proposto dal deputato Alessandro Zan) viene affossato in Senato. Il testo prevedeva che alcune delle disposizioni contenute nell’articolo 604 bis del codice penale per contrastare la “propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa” (come la previsione della reclusione fino a quattro anni) venissero estese anche alle discriminazioni basate su sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità.

Trascorsi sei mesi, il 5 maggio 2022 il Partito democratico annuncia di aver ripresentato il testo, stavolta partendo dal Senato, identico a quello che a suo tempo era stato presentato da Zan.

Amnesty International decide allora di promuovere una campagna a sostegno dell’approvazione del dispositivo, per dare finalmente risposta a un bisogno che “non passa”, quello di strumenti legislativi efficaci per la prevenzione e il contrasto della discriminazione, includendo in modo esplicito tra le forme di discriminazione anche quella contro la comunità Lgbtqia+, la misoginia e l’abilismo.

Una legge può non passare, ma non passa la necessità di cambiamento sulla quale si fonda. Quella di colmare un vergognoso vuoto che non consente di combattere in modo adeguato gli atti discriminatori verso la comunità Lgbtqia+, oppure basati su misoginia e abilismo; che non riconosce il diritto a non essere discriminato di chi è attaccato su queste basi.

Con la campagna Amnesty International chiede:

  • che si giunga all’approvazione del disegno di legge recante “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”, recentemente presentato in Senato;
  • che ogni futuro dispositivo legislativo per il contrasto alla discriminazione includa in modo esplicito tutti gli ambiti di discriminazione, inclusi quelli relativi all’odio contro la comunità Lgbtqia+, all’odio misogino e all’abilismo;
  • che sia approvata l’istituzione di una Commissione nazionale per la promozione e la protezione dei diritti umani fondamentali e per il contrasto alle discriminazioni, che sia in grado di monitorare l’impatto delle politiche di identificazione e contrasto delle varie forme di discriminazione;
  • che siano migliorati i meccanismi di raccolta dati sistematica relativa a discorsi e crimini d’odio, includendo tutti gli ambiti di discriminazione e prevedendo specifici strumenti e strategie per contrastare il fenomeno della sotto-rappresentazione. I dati dovranno essere disaggregati, aggiornati e pubblici;
  • che sia garantito lo stanziamento di risorse sufficienti ad assicurare che i pubblici ufficiali che entrano in contatto con le vittime di discriminazione ricevano formazione specifica rispetto ai bisogni delle vittime stesse, così da garantire un servizio imparziale, rispettoso, professionale;
  • in caso di avvio di un procedimento legale, sia garantito alle vittime di discorsi e crimini d’odio supporto legale e psicologico, nel rispetto della loro privacy.

Firma l’appello…clicca qui

In scadenza al 30 giugno la pubblicazione dei contributi pubblici al non profit

Pubblichiamo l’articolo di Daniele Erler per Cantiere Terzo Settore relativo all’obbligo di pubblicazione dei contenuti pubblici.

Entro il prossimo 30 giugno gli enti non profit che hanno ricevuto contributi pubblici nell’esercizio precedente pari o superiori a 10mila euro dovranno procedere alla loro pubblicazione.

Ecco alcune indicazioni.

I soggetti interessati: associazioni, fondazioni e Onlus

L’obbligo in questione si applica in primo luogo alle associazioni, alle fondazioni e alle Onlus che hanno ricevuto sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, pari o superiori a 10.000 euro, da parte:

  • delle pubbliche amministrazioni (art. 1 comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165);
  • dei soggetti di cui all’art. 2-bis del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33. Fra essi rientrano anche le società in controllo pubblico, così come le associazioni, le fondazioni ed in generale gli enti di diritto privato con bilancio superiore a 500mila euro di entrate annuali, la cui attività sia stata finanziata in modo maggioritario per almeno due esercizi finanziari consecutivi nell’ultimo triennio da pubbliche amministrazioni e in cui la totalità dei componenti dell’organo d’amministrazione o di indirizzo sia designata da pubbliche amministrazioni.

Sono inoltre soggette all’obbligo di rendicontazione anche le associazioni di protezione ambientale e le associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale (che in realtà già vi rientravano in quanto appunto “associazioni”), e le cooperative sociali che svolgono attività a favore degli stranieri (decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286).

Pur non menzionandoli nello specifico, è evidente come la normativa richiamata si applichi anche agli enti del Terzo settore: questo nonostante il codice del Terzo settore disponga già per essi alcuni importanti obblighi in tema di trasparenza (per un riepilogo degli stessi si rimanda al focus “La trasparenza per gli enti non profit e del Terzo settore”).

L’obbligo in questione si applica come detto anche alle Onlus: è bene infatti ricordare che la normativa Onlus è stata sì soppressa dal codice del Terzo settore, ma tale abrogazione diventerà effettiva solo a partire dal periodo di imposta successivo all’autorizzazione europea sulla nuova parte fiscale per gli Ets.

I soggetti interessati: le società

La legge 124/2017 distingue i soggetti menzionati nel paragrafo precedente da quelli che esercitano attività d’impresa (art. 2195 del codice civile), disponendo per essi modalità di pubblicazione parzialmente diverse rispetto a quelle previste per associazioni, fondazioni e Onlus, di cui si dirà a breve.

Fra tali soggetti rientrano sicuramente le società di cui al Libro V del codice civile, oltre che le imprese sociali costituite in forma societaria.

Il discorso si fa più problematico per le cooperative sociali, che sono sia “società” che “onlus” (di diritto): la circolare ministeriale n. 2 dell’11 gennaio 2019 stabilisce la prevalenza del profilo legato alla forma giuridica e quindi le cooperative sociali (tranne quelle che svolgono attività a favore degli stranieri) sono tenute ad adempiere all’obbligo di pubblicazione nelle stesse forme previste per le società. Applicando tale ragionamento alle imprese sociali, si ricava che quelle costituite in forma di associazione o fondazione sono chiamate a rispettare le regole di pubblicazione previste per tali forme giuridiche.

Il contenuto dell’obbligo e il termine per la pubblicazione

L’obbligo scatta solo nel momento in cui gli enti menzionati (associazioni, fondazioni e Onlus da un lato, società dall’altro) abbiano ricevuto contributi pubblici per una cifra pari o superiore a 10mila euro: il riferimento è l’esercizio finanziario precedente cioè, per gli enti che hanno l’esercizio sociale coincidente con l’anno solare, il periodo che va dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.

Una fondamentale novità rispetto alla formulazione originaria della disposizione è che non tutte le risorse provenienti dalle pubbliche amministrazioni rientrano nel plafond dei 10mila euro, ma solamente quelle relative a “sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria”.

Ciò significa che eventuali apporti economici di natura corrispettiva (commerciale) con gli enti pubblici non rientrano nel computo dei 10.000 euro, così come quelli dovuti dalla pubblica amministrazione a titolo di risarcimento; vi rientrano invece i contributi concessi dall’ente pubblico a titolo di liberalità oppure dietro presentazione di uno specifico progetto da parte dell’associazione.

I contributi possono essere non solo in denaro ma anche “in natura”. Si intendono quindi ricomprese anche le risorse strumentali, quali ad esempio un bene mobile o immobile concesso in comodato dalla pubblica amministrazione: in tal caso si dovrà chiedere alla stessa di comunicare il valore del bene, il quale dovrà essere indicato nel rendiconto. Qualora non fosse possibile individuare una cifra precisa, è consigliabile fare riferimento a quello che è il valore di un bene simile o analogo sul mercato.

Alcune specifiche attribuzioni economiche: 5 per mille e contributi a fondo perduto

Indicazioni specifiche sono previste per le somme ricevute a titolo di 5 per mille, le quali non sono da considerare nei contributi pubblici disciplinati dalla legge 124 del 2017 e non vanno quindi conteggiate nel “plafond” dei 10mila euro (circolare ministeriale n. 6 del 25 giugno 2021).

Il Ministero ha di fatto superato quanto in precedenza detto con la circolare n. 2 dell’11 gennaio 2019, e lo ha fatto sulla base di un mutato quadro normativo disposto per effetto del Decreto “Crescita”. Il nuovo testo esclude dalla rendicontazione i contributi che hanno “carattere generale”: secondo la circolare ministeriale, “per carattere generale si devono intendere i vantaggi ricevuti dal beneficiario sulla base di un regime generale, in virtù del quale il contributo viene erogato a tutti i soggetti che soddisfano determinate condizioni”. Da una tale definizione è escluso il 5 per mille, le cui somme sono peraltro già soggette a specifici obblighi di pubblicità secondo quanto disposto dal dpcm 23 luglio 2020 (per un maggiore approfondimento sulle nuove regole del 5 per mille, si rimanda al Vademecum sul tema).

Rimangono invece dei dubbi in relazione ai contributi a fondo perduto erogati nel corso del 2021 agli enti non profit per permettere loro di far fronte alla perdurante emergenza pandemica.

Sulla base di quanto detto dal Ministero, sembrerebbe potersi affermare che tali contributi siano di “carattere generale” per il semplice fatto che potevano essere richiesti e ricevuti da tutti i soggetti in possesso dei requisiti previsti dalle disposizioni legislative di riferimento.

Mancando però sul punto, a differenza di quanto è avvenuto per il 5 per mille, una conferma istituzionale ad una simile interpretazione, il consiglio, in via prudenziale, è quello di conteggiare comunque tali contributi nel computo dei 10mila euro.

Ulteriori precisazioni sul limite dei 10mila euro

Ai fini della pubblicazione occorre tener conto dei contributi “effettivamente erogati”: ciò significa che vanno conteggiate solo le somme che l’ente ha effettivamente incassato nel corso dell’esercizio finanziario precedente e non quelle che sono state solamente stanziate dall’ente pubblico ma non ancora incassate dall’organizzazione.

Il limite dei 10mila euro deve essere inteso in senso cumulativo, riferendosi al totale degli apporti pubblici ricevuti e non alla singola erogazione: esemplificando, se l’ente ha ricevuto durante l’anno contributi su due distinte progettualità da 9mila euro ciascuna (da due differenti enti pubblici), il limite dei 10mila euro è superato e scatta quindi l’obbligo di pubblicazione di tali somme.

Le informazioni da pubblicare

Le informazioni devono essere pubblicate in modo schematico e comprensibile per il pubblico, individuando come necessarie le seguenti voci:

  1. denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente (l’associazione);
  2. denominazione del soggetto erogante (la pubblica amministrazione);
  3. somma incassata (per ogni singolo rapporto giuridico);
  4. data di incasso;
  5. causale (cioè la descrizione relativa al motivo per cui tali somme sono state erogate: ad esempio, come “liberalità” oppure come “contributo in relazione ad un progetto specifico presentato dall’ente”).

Un fac-simile di rendiconto dei contributi pubblici può essere scaricato qui.

Le cooperative sociali che svolgono attività a favore degli stranieri (decreto legislativo n. 286 del 25 luglio 1998) devono inoltre pubblicare trimestralmente nei propri siti internet o portali digitali l’elenco dei soggetti a cui sono versate somme per lo svolgimento di servizi finalizzati ad attività di integrazione, assistenza e protezione sociale: peraltro sulla ragionevolezza, e quindi sulla costituzionalità, di una simile previsione, si potrebbero avanzare diversi dubbi.

Le modalità e i termini di pubblicazione

Le associazioni, le fondazioni e le Onlus (oltre alle cooperative sociali che svolgono attività a favore degli stranieridevono pubblicare, entro il 30 giugno 2022, i contributi ricevuti sul proprio sito internet oppure su “analogo portale digitale”. Le organizzazioni che non hanno il sito internet possono utilizzare la pagina Facebook dell’ente. Qualora l’organizzazione non avesse nemmeno la pagina Facebook, l’obbligo può comunque essere adempiuto pubblicando i contributi sul sito internet della rete associativa alla quale l’ente aderisce.

Le società (comprese le cooperative sociali e le imprese sociali costituite in forma societaria) sono invece tenute a pubblicare le stesse informazioni nella nota integrativa del bilancio di esercizio e dell’eventuale bilancio consolidato. Il termine è quello ordinario previsto per l’approvazione del bilancio. I soggetti che redigono il bilancio in forma abbreviata e quelli comunque non tenuti alla redazione della nota integrativa assolvono all’obbligo pubblicando le informazioni, entro il 30 giugno 2022, sul proprio sito internet, secondo modalità liberamente accessibili al pubblico o, in mancanza, sui portali digitali delle associazioni di categoria di appartenenza.

Nonostante la normativa non stabilisca nulla riguardo a quanto debbano essere mantenuti sul sito i diversi rendiconti, si consiglia di lasciare pubblicati anche i rendiconti precedenti, posizionandoli all’interno di una sezione specifica ed in evidenza.

Le sanzioni previste

Il controllo sull’adempimento dell’obbligo di pubblicazione dei contributi pubblici è in capo ai soggetti erogatori oppure all’amministrazione vigilante o competente per materia.

Come conseguenza dell’inosservanza dell’obbligo di pubblicazione è prevista, sia per associazioni/fondazioni/Onlus che per le società, in prima battuta una sanzione economica pari all’1% degli importi ricevuti, con un importo minimo di 2mila euro, oltre alla sanzione accessoria dell’obbligo di pubblicazione. Se da tale contestazione passano 90 giorni e l’organizzazione non provvede alla pubblicazione e al pagamento della sanzione, si avrà l’ulteriore sanzione della restituzione integrale delle somme ricevute.

Le coordinate normative

La normativa di riferimento è rappresentata dalla legge n. 124 del 4 agosto 2017 (commi da 125 a 129), modificata nella formulazione attuale dal cosiddetto “Decreto Crescita” (decreto legge 30 aprile 2019, n. 34), che ha disposto in modo permanente alcuni obblighi di trasparenza riguardanti i contributi pubblici ricevuti (anche) dagli enti non profit.

Importanti chiarimenti sul tema sono poi stati forniti dalle circolari del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, n. 2 dell’11 gennaio 2019 e n. 6 del 25 giugno 2021nonostante tali documenti si riferiscano in particolare agli enti del Terzo settore (Ets), le indicazioni in essi contenute possono ragionevolmente estendersi anche agli altri soggetti tenuti al rispetto delle disposizioni menzionate.

Come aiutare il popolo ucraino

In tutta Italia il sistema dei Centri di Servizio per il Volontariato sta supportando volontari, associazioni, singoli cittadini nelle tante iniziative di raccolte di beni primari, farmaci e fondi per aiutare il popolo ucraino. In collaborazione con le Istituzioni e con il Dipartimento della Protezione Civile è partita anche la macchina dell’accoglienza per le persone che necessitano di protezione temporanea.

Al fine di coordinare gli aiuti, le iniziative e tutte le energie che nel territorio della città metropolitana di Napoli si stanno rendendo disponibili, anche CSV Napoli sta svolgendo un ruolo di raccordo tra associazioni, singoli cittadini ed enti locali.

Questa pagina, in costante aggiornamento, nasce proprio per raccogliere informazioni e disponibilità da parte del territorio, a far fronte alle principali esigenze.

Segnaliamo le iniziative attualmente in corso  a cui è possibile aderire per aiutare la popolazione ucraina:

  • SGARRUPATO sta raccogliendo materiale sanitario che verrà consegnato direttamente alla società civile tramite i migranti ucraini che vivono a Napoli. Si raccolgono siringhe, guanti, cerotti, forbici, bendaggi, garze, spugne, compresse antidoloranti, lacci emostatici, camicie per operare. Sulla pagina fb tutte le indicazioni dei punti di raccolta.
  • LEGAMBIENTE ARZANO ha attivato un punto di raccolta di medicinali, detergenti intimi, disinfettanti e antidolorifici, presso il Circolo Legambiente sito nelle palazzine Ina Casa di Via Alfredo Pecchia 90 nei giorni lunedì, venerdì e sabato dalle 9:30 alle 12:30 e martedì, mercoledì e giovedì dalle 16:30 alle 19:00. Sulla pagina fb maggiori dettagli
  • COMITATO ORGOGLIO VASTO ha attivato un punto di raccolta, sempre di materiale medico, presso la Chiesa di Santa Maria del Buon Consiglio in Via Milano. Per gli orari consultare la pagina fb.
  • LET’S DO IT ITALY ha risposto al grido di dolore dei suoi fratelli ucraini, attivando una campagna di raccolta fondi consultabile al link ly/3sqQOJD.
  • YA BASTA Restiamo Umani sta raccogliendo indumenti, medicinali, assorbenti e altri beni di prima necessità. E’ possibile recarsi presso la sede dell’associazione in corso Umberto a Scisciano oppure telefonare ai numeri che trovate sulla pagina fb per far venire un operatore a ritirare a domicilio le donazioni.
  • PRESIDIO LIBERA PORTICI a Villa Fernandes è attiva la raccolta di antibiotici e medicinali vari oltre che tonno, biscotti, the in bustine, scarpe militari, intimo ed altri beni di prima necessità. Sulla pagina fb maggiori informazioni.
  • COMUNITA’ di SANT’EGIDIO – NAPOLI ha aderito alla campagna di donazioni aperta a livello nazionale. E’ possibile donare direttamente con bonifico e troverete tutti i riferimenti nella pagina FB
  • TIENDA EQUOSOLIDALE in Via Solimena 143 (angolo Via Luca Giordano) ha lanciato una raccolta di materiale sanitario che verrà consegnato tramite migranti ucraini che vivono a Napoli. La raccolta avverrà da lun 28 febbraio a ven 4 marzo, dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 16:30 alle 20:00.
  • ASSOCIAZIONE LOVE FOR ha attivato presso la propria sede in Via Nicolò Paganini, 30 a Sant’Anastasia un centro raccolta di materiali per bambini (pannolini, salviette, traverse, ecc), abbigliamento invernale, generi alimentari a lunga conservazione, farmaci. E’ possibile donare tutti i pomeriggi dalle 15:30 alle 18:30. Sulla pagina fb ulteriori informazioni e contatti
  • OSPEDALE SANTOBONO ha attivato un centro di raccolta presso il negozio Ucraino di nome Mix in Via Galileo Ferraris 50.
  • I negozi Ucraini in Via Vergini e Via Mario Pagano anche stanno raccogliendo abiti pesanti per adulti e bambini, cibo inscatolato e coperte.
  • TENNIS CLUB POZZUOLI ha attivato un iban sul quale poter effettuare una donazione, ma sta anche raccogliendo farmacia. Sulla pagina fb tutte le informazioni.
  • La CHIESA UCRAINA di Caserta sta invece organizzando un sistema di accoglienza per le mamme con figli che stanno arrivando in Italia. Si cercano famiglie disposte a dare ospitalità. Martedì 1 marzo dalle 9:00, presso l’ex OPG di Napoli in Via del Fiumicello 7 ci sarà una giornata dedicata alle richieste.
  • Il negozio RODYNA in Via Trieste 94 a Pomigliano ha attivato una raccolta di beni di prima necessità ed alimenti in scatola.
  • L’ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA CAMPANIA anche ha attivato un punto di raccolta, presso la sua sede in Via Cappella Vecchia 8B, dal lunedì al venerdì
  • LA SOCIETA’ DI SAN VINCENZO DE PAOLI ha avviato una raccolta fondi per le iniziative dei Padri della Missione. Inoltre, in rete con l’associazione Ai.Bi., si è attivata per il sostegno al campo profughi realizzato in Moldavia con invio di beni di prima necessità. Sempre in rete con l’associazione Ai.Bi. a breve comunicherà le modalità di accoglienza nelle proprie famiglie di mamme con minori, previo un corso da seguire, grazie ad un corridoio umanitario nelle ultime fasi organizzative. Chi volesse donare, può farlo attraverso le seguenti modalità: * CONTO CORRENTE BANCARIO Presso BANCA PROSSIMA IBAN: IT76I0306909606100000018852 * oppure CONTO CORRENTE POSTALE NR. 14798367 IBAN: IT94F0760111800000014798367. – Intestati a: Fed. Naz. Soc. di San Vincenzo De Paoli ODV Via G. Ziggiotti, 15 – 36100 VICENZA – Causale: Emergenza UCRAINA.
  • La Fondazione Centro Educativo Diocesano Regina Pacis, Cittadella dell’inclusione, grazie anche al sostegno della Caritas Diocesana di Pozzuoli, aprirà le porte della Cittadella dell’Inclusione ai rifugiati ucraini. Puoi sostenere il loro impegno ad accogliere con una donazione: Fondazione CENTRO EDUCATIVO DIOCESANO REGINA PACIS – Iban: I T 59 H 0103040108000000809263 – causale: accoglienza rifugiati ucraini.
  • La Chiesa Evangelica C3 Reach Napoli in collaborazione con l’associazione internazionale ACP (Azione Cristiani Perseguitati). ha attivato una raccolta di beni di prima necessità, in particolare alimenti e indumenti per bambini e materiale sanitario. E’ possibile donare presso la Chiesa in via vicinale cupa San Severino 7. Per maggiori informazioni è possibile contattare il 3890647697.
  • L’associazione incontriAMOci strada facendo per sostenere i bambini che sono costretti a lasciare il loro paese e regalare loro piccoli momenti di spensieratezza, organizza una raccolta di giochi, libri, penne, quaderni, colori. A causa delle norme anti covid non potranno essere donati oggetti usati. Per donare è possibile contattare il 3347529878.
  • L’associazione I ragazzi della barca di carta sta raccogliendo materiale sanitario che sarà consegnato alla società civile attraverso gli immigrati ucraini che vivono a Napoli. Occorrono siringhe, guanti, cerotti, forbici, bendaggi, garze, spugne, antidolorifici, lacci emostatici, camici per operare, disinfettanti, detergenti intimi, assorbenti, tende da campeggio, parafarmaci pediatrici, latte e cibo per neonati. E’ possibile donare presso la sede dell’associazione nella decima municipalità del comune di Napoli (Via Cincinnato 26) oppure contattare il 345 8503409.
  • L’ associazione OVPPC GIAGUARO ha avviato nell’area nolana una raccolta di beni di prima necessità che saranno consegnati al popolo ucraino attraverso la collaborazione del Conadi (Consiglio Nazionale diritti infanzia) che metterà a disposizione bus per raggiungere il paese colpito dalla guerra. Per maggiori informazioni è possibile contattare il 3511111080 o consultare la pagina fb dell’associazione.
  • Dal 18 marzo al 1 aprile gli studenti dell‘Istituto alberghiero Lucio Petronio di Pozzuoli (Na) realizzano dolci in cambio di una donazione per i rifugiati della guerra. Gli allievi dell’ istituto alberghiero di Pozzuoli “Lucio Petronio” diretto da Filippo Monaco, realizzeranno delle pastiere per raccogliere fondi destinati ai profughi della guerra insieme con la Fondazione Centro educativo Regina Pacis di Quarto, diretta da Don Gennaro Pagano. Da venerdi 18 marzo al primo aprile, sarà possibile acquistare una pastiera con 15 euro in cambio di una donazione per l’Ucraina. È possibile effettuare la donazione presso l’istituto scolastico oppure tramite bonifico a favore della Fondazione, indicando come causale “Un dolce per l’Ucraina” al seguente Iban : IT17Z0103040100 0000633031 89

 

 

‘LA SMAGLIANTE ADA’ CERCA GIOVANI FUMETTISTI Al via il secondo contest del fumetto che parla ai bambini di bullismo e valore dell’amicizia

Sbulloniamoci: una storia di ordinaria amicizia’ è il titolo della seconda edizione del concorso aperto da oggi fino al 27 maggio 2022. Dedicato a tutti i bambini delle classi quarte e quinte della scuola primaria e ai ragazzi di prima media, torna il ComicContest lanciato nell’ambito del progetto educativo ‘La SMAgliante Ada’.

Ada è la travolgente cagnolina che sfreccia con la sua carrozzina elettrica rosso fuoco per raccontare cosa significa vivere con la SMA, l’Atrofia Muscolare Spinale. Partendo dalla sua esperienza, i ragazzi potranno cimentarsi nel progetto didattico basato su temi che, oggi più che mai, rappresentano una vera e propria sfida educativa per costruire il futuro della nostra società. Temi per diventare grandi, come quello di dover imparare il valore dell’amicizia e il coraggio di fare i conti con il fenomeno del bullismo e della prevaricazione fra pari. Sfide affrontate con quella leggera consapevolezza che solo i più piccoli sanno avere, se ben guidati.

Ed è proprio ai ragazzi che la piccola Ada lancia di nuovo l’invito ad andare oltre la paura della prepotenza e a ritrovare il coraggio di riscrivere le regole del gioco: “Ragazzi, i miei amici ed io abbiamo bisogno del vostro aiuto. Abbiamo a che fare con dei compagni che si comportano da bulli e stiamo cercando il modo migliore per risolvere insieme questa situazione. L’avventura è iniziata, ma abbiamo bisogno del vostro talento per portarla a termine! Da soli o con i vostri amici, abbiamo tempo fino al 27 maggio. Divertitevi disegnando e, soprattutto, date spazio alla vostra super fantasia! Non vedo l’ora di leggere i vostri fumetti!”

Pensato dall’Associazione Famiglie SMA e dai Centri Clinici NeMO, con Roche Italia, il progetto nasce nel 2020 proprio per spiegare, con il linguaggio semplice del fumetto, concetti complessi come l’inclusione sociale di persone con patologia neuromuscolare, la valorizzazione ed il rispetto dell’unicità di ciascuno, il coraggio di conoscere e di conoscersi per dare valore a ciò che si è, fino alla capacità di trasformare il proprio limite in risorsa.

Per partecipare al contest, gli insegnanti o i genitori possono scaricare il kit del concorso, disponibile sul sito www.smaglianteada.it al link https://bit.ly/Ada-ComicContest2 e contenente: il regolamento, i materiali per la storia da completare e il modulo di partecipazione da compilare e inviare con gli elaborati, prodotti in formato pdf/png/jpg, all’indirizzo mail info@lasmaglianteada.it, entro le ore 13:00 del 27 maggio 2022.

La storia vincitrice sarà premiata entrando a far parte dei racconti del Volume 3 del fumetto, in uscita il prossimo settembre 2022, come è avvenuto per la scorsa edizione che ha premiato il lavoro della Scuola Don Milani di Cesena, tra gli oltre 60 raccolti, con l’inserimento della storia nel secondo volume.

Ma c’è di più. Anche quest’anno il progetto è supportato da un laboratorio educativo aperto a tutte le scuole, che vede come focus proprio il tema del bullismo nelle sue molteplici sfaccettature. Un kit didattico, elaborato dal team di disegnatori e sceneggiatori di Ada, insieme agli esperti di Famiglie SMA e dei Centri NeMO, accompagna il Volume 2 del fumetto ed è a disposizione degli insegnanti. Le scuole interessate ad aderire al progetto didattico possono scaricare i materiali e richiedere gratuitamente i Volumi 1 e 2 del fumetto nella sezione dedicata del sito www.smaglianteada.it.

E proprio in un momento storico in cui i messaggi di paura e violenza riempiono i sogni dei bambini, la SMAgliante Ada invita grandi e piccoli a sperimentarsi nel cercare strade nuove per imparare a vivere con gli altri. Con creatività, talento, consapevolezza e con quel peso della leggerezza che rende ogni cosa generativa.

Arte, cultura e solidarietà, visite guidate in Campania per sostenere ANT

Un nuovo ciclo di appuntamenti per scoprire alcuni dei luoghi più belli di Napoli e dintorni per sostenere l’assistenza medica domiciliare gratuita che la Fondazione ANT da 40 anni offre ai malati oncologici.

Dopo il grande successo della prima edizione, torna l’iniziativa “Arte, cultura e solidarietà” organizzata dalla Fondazione ANT per conoscere alcuni itinerari di Napoli e dintorni e al contempo sostenere le équipe sanitarie della Fondazione ANT, che portano cure e assistenza medico-specialistica a casa dei sofferenti di tumore.

Anche negli ultimi due anni così complicati medici, infermieri e psicologi ANT hanno sempre garantito continuità all’assistenza che portano ogni giorno – gratuitamente e in sicurezza – nelle case di oltre 3.000 persone in oltre 30 province italiane da Nord a Sud, comprese Napoli e Caserta.
Grazie al sostegno Quo Vadis Napoli, Guida Turistica Napoli e Turismo e Servizi srl, Fondazione ANT propone una serie di passeggiate e visite guidate “solidali” per scoprire o riscoprire luoghi e itinerari ricchi di fascino tra Napoli e Pozzuoli. Un modo diverso per contribuire a portare avanti la mission di ANT: portare assistenza domiciliare gratuita a sempre più famiglie.

Questi i primi tre appuntamenti:

  • si parte il 12 marzo alle 16.00 con Una Passeggiata “insolita” ma non troppo.  Un itinerario nel cuore monumentale della città, dal Maschio Angioino alla Chiesa di San Francesco di Paola fino a percorrere  i vicoli dei quartieri spagnoli per conoscere i nuovi fermenti della street art. Ad accompagnare i visitatori Olga Centanni di Guida Turistica Napoli;
  • Il 20 marzo alle 10.30 da Piazza del Plebiscito a Napoli parte “Vox Populi, Vox Regis”, un itinerario unico ed esclusivo elaborato dalla guida turistica e youtuber Luca del Vaglio con Quo Vadis Napoli.Uno straordinario tour tutto da “ascoltare” che vedrà protagoniste le statue di Napoli che con la loro voce racconteranno la storia della città.
  • Il 27 marzo alle 11.00 appuntamento, invece, a Pozzuoli per conoscere “Le meraviglie del Rione Terra”. Scoperto solo di recente, il sito archeologico puteolano racconta attraverso varie stratificazioni l’antica Puteoli romana in uno scenario unico, abbracciato dal panorama dei campi flegrei. L’appuntamento è realizzato grazie al sostegno di QuoVadis e Turismo e servizi srl.

Il contributo minimo per partecipare alle visite guidate è di 10 €, per bambini e ragazzi dai 7 ai 15 anni 5 € (salvo eventuali biglietti di ingresso), e il ricavato andrà a sostenere interamente le attività di assistenza domiciliare gratuite di ANT per i malati oncologici e le loro famiglie.

Si può prenotare chiamando alla delegazione ANT di Napoli ai numeri:
081 6338318 | 348 3150325 | 3471163729