8×1000 Chiesa Valdese, al via le richieste di finanziamento

8×1000 Chiesa Valdese, al via le richieste di finanziamento

La Chiesa Evangelica Valdese concorre, come altre confessioni religiose, alla ripartizione dei fondi Otto per Mille IRPEF e ha scelto di destinare tutti i contributi ad essa spettanti esclusivamente al sostegno di interventi sociali, assistenziali, umanitari e culturali, sia in Italia che all’estero. A tal fine, ogni anno, viene offerta la possibilità alle organizzazioni senza finalità di lucro di presentare delle proposte progettuali per ottenere un contributo economico.

Le richieste di finanziamento possono essere presentate sia per interventi da realizzare sul territorio italiano (Progetti Italia) sia per progetti da implementare all’estero (Progetti Internazionali). I progetti devono essere ricompresi in una delle seguenti categorie di intervento:

Progetti Italia

Interventi sanitari e di tutela della salute: azioni per integrare i servizi offerti dal sistema sanitario nazionale;
Promozione del benessere e della crescita di bambini e ragazzi: contrasto a dispersione e abbandono scolastico, bullismo e altre forme di disagio;
Attività culturali: produzioni artistico-creative su tematiche di rilevanza sociale, etica e culturale;
Miglioramento delle condizioni di vita di soggetti affetti da disabilità: autonomia, socializzazione, partecipazione; supporto alle famiglie;
Accoglienza e inclusione di rifugiati e migranti: prima e seconda accoglienza; sostegno al confronto interculturale e all’inclusione;
Contrasto alla povertà, al disagio sociale e alla precarietà lavorativa: contrasto a povertà, nuove marginalità, precarietà socio-economica e lavorativa;
Anziani: attività presso strutture e a domicilio; ricreative, di formazione e sportive;
Educazione alla Cittadinanza: contrasto all’odio e all’intolleranza; educazione inclusiva; legalità;
Prevenzione e contrasto della violenza di genere: attività a favore delle donne vittime di violenza e rivolte a uomini maltrattanti;
Recupero e inclusione di detenuti ed ex detenuti dentro e fuori gli istituti di pena.

Progetti estero:

Lotta alla malnutrizione: autosufficienza alimentare, igiene alimentare, programmi di distribuzione;
Promozione del ruolo delle donne e uguaglianza di genere: prevenzione di ogni forma di violenza; salute; riduzione della discriminazione;
Accesso all’acqua e igiene: disponibilità e gestione sostenibile; approvvigionamento idrico; educazione;
Partecipazione, dialogo, Governance e diritti umani: sviluppo partecipativo; pace; tutela delle minoranze; capacity building; libera informazione e interventi a favore di gruppi sottoposti a discriminazione;
Protezione dell’infanzia: formazione per operatori; recupero e reintegrazione sociale; lotta a lavoro minorile, sfruttamento sessuale, etc; minori con disabilità;
Educazione: educazione primaria e secondaria formale e non formale per minori e giovani; formazione per insegnanti; aggregazione;
Formazione professionale e attività generatrici di reddito: formazione professionale e sul lavoro; tirocini e borse di studio;
Tutela dell’ambiente: cambiamento climatico, biodiversità; gestione rifiuti e promozione uso energie rinnovabili;
Sviluppo Rurale e Sicurezza Alimentare: coinvolgimento comunità locali; miglioramento qualità produzioni alimentari;
Interventi sanitari e di tutela della salute: dotazione medicine e vaccini; acquisto attrezzature, costruzione strutture; programmi di screening e cura; assistenza per anziani e soggetti con disabilità;
Aiuto umanitario in contesti di emergenza: progetti in favore delle popolazioni vittime; iniziative di primo soccorso e ricostruzione; assistenza psicologica, servizi sanitari di base.

Possono essere destinatari dei contributi:

Enti facenti parte dell’ordinamento metodista e valdese;
Organismi Associativi italiani o stranieri (es. Associazioni, Comitati, ONG e Cooperative Sociali di tipo A/B purché il finanziamento richiesto sia usato per finalità assistenziali, umanitarie e culturali e comunque non per attività lucrative);
Organismi ecumenici italiani o stranieri.

I progetti 2019 verranno finanziati con la quota di destinazione relativa alla dichiarazione dei redditi 2016. Nell’edizione del 2018 tale quota si è attestata attorno ai 32 milioni di euro (relativi alla ripartizione 2015) con la quale la Chiesa Valdese ha finanziato 1127 progetti (454 all’estero e 673 in Italia). L’elenco dei progetti finanziati nel 2018 e negli anni precedenti (con indicazione dell’ammontare dei contributi) è consultabile nella sezione “progetti finanziati” del sito web.

Da quest’anno tutte le richieste di finanziamento devono essere presentate esclusivamente attraverso la piattaforma informatica Juno che prevede lo svolgimento dei seguenti tre passaggi:

Accreditamento utente e registrazione dell’ente sulla piattaforma
Compilazione dell’Anagrafica Ente
Compilazione di una Richiesta di Finanziamento (RDF).
Le domande potranno essere presentate sia in italiano che in inglese entro il 21 dicembre 2018.

Vai alla sezione “presentare un progetto” del sito web www.ottopermillevaldese.org