Vertice ministri dell’Interno Ue sui rifugiati: per Amnesty un altro fallimento

Vertice ministri dell’Interno Ue sui rifugiati: per Amnesty un altro fallimento

Ancora una volta i rappresentanti dell’Unione europea hanno vergognosamente mostrato assenza di leadership e capacità di risposta alla crisi globale dei rifugiati. Lo ha dichiarato Amnesty International, commentando le conclusioni del vertice di emergenza dei ministri dell’Interno degli stati membri, svoltosi ieri, 14 settembre, a Bruxelles.

Il vertice doveva esaminare una serie di proposte presentate il 9 settembre dalla Commissione europea, tra cui un meccanismo redistributivo di emergenza destinato ad alleviare la pressione sugli stati membri di frontiera, nei quali i rifugiati subiscono gli effetti di un sistema d’asilo europeo che sta andando a pezzi.

La riunione è terminata con l’adozione della proposta, già emersa a maggio, di redistribuire appena 40.000 persone dalla Grecia e dall’Italia nel giro di due anni. I ministri dell’Interno non hanno trovato l’accordo su un numero tre volte superiore, rinviando la questione a un nuovo vertice previsto a ottobre.

Le proposte sul tavolo erano già modeste e abbondantemente distanti da una risposta complessiva dell’Unione europea alla crisi globale dei rifugiati. Ma i ministri dell’Interno non sono stati capaci di accordarsi neanche su quelle. Mentre la crisi dei rifugiati cresce ogni giorno di più, la reazione dell’Unione europea è basata sull’inerzia, altro che sulla risolutezza” – ha dichiarato Iverna McGowan, direttrice ad interim dell’Ufficio di Amnesty International presso le Istituzioni europee.

L’esiguità del numero delle persone da redistribuire lascerà decine di migliaia di persone in condizioni terribili negli stati membri di frontiera.

Inoltre, poiché non verrà data la possibilità di scegliere la destinazione, è possibile che molte delle 40.000 persone saranno trasferite in stati membri in cui non hanno legami familiari e le prospettive d’integrazione sono limitate.

Alla vigilia del vertice dei ministri dell’Interno, Amnesty International aveva presentato (anche al ministro dell’Interno italiano Angelino Alfano) una serie di proposte per rimediare al fallimento del sistema europeo d’asilo, con l’obiettivo di assicurare alle persone bisognose di protezione internazionale un ingresso sicuro e legale in Europa e, qui, una vita in condizioni di sicurezza e dignità.

L’Unione europea sta presentando la redistribuzione come la soluzione alla crisi dei rifugiati. A parte l’inadeguatezza del contenuto, questa misura non potrà essere una soluzione duratura per aiutare richiedenti asilo e rifugiati” – ha sottolineato McGowan.

La gravità della situazione nei paesi di primo arrivo può essere risolta consentendo l’accesso in tutta l’Unione europea attraverso percorsi legali e sicuri e prevedendo il reciproco riconoscimento dello status di rifugiato. Ciò che serve è un totale ripensamento dell’approccio dell’Unione europea all’asilo, non nuove barriere e altri bisticci sulle quote” – ha concluso McGowan.

Per approfondimeti www.amnesty.it