“Cervelli Ribelli”, parte il tour nelle scuole d’Italia per raccontare l’autismo

“Cervelli Ribelli”, parte il tour nelle scuole d’Italia per raccontare l’autismo

Un progetto che affronta un tema complesso, delicato e scomodo. Ma soprattutto poco conosciuto: la discriminazione e gli atti di bullismo che colpiscono gli studenti con disturbi dello spettro autistico, spesso molto dotati dal punto di vista cognitivo e meno sul piano sociale, raggiunge infatti percentuali allarmanti.
Fra le tante diversità che la scuola intende educare a riconoscere e rispettare, quella legata ai disturbi dello spettro autistico merita un’attenzione speciale, quanto lo sono i soggetti che rientrano in questa sindrome molto variegata.
Il nome del progetto “Cervelli Ribelli” ne esemplifica la filosofia: le caratteristiche di chi appartiene allo spettro autistico sono espressione di un modo diverso di funzionare rispetto alla cosiddetta “normalità”, una differenziazione biologica che afferma una propria identità speciale, portatrice di insolite capacità e modi di percepire il mondo o anche di deficit o disabilità per quanto concerne il comune standard dei neurotipici. Dall’autismo, alla sindrome di Asperger, alla dislessia, disgrafia e a tutto ciò che in passato si tendeva a etichettare come “disabilità”, la diversità si presenta come sfida contemporanea a saper cogliere il valore delle differenze, presenti comunque in ciascuno di noi e in ogni manifestazione del mondo naturale. Differenze cognitive, comportamentali, di relazione mettono in gioco il nostro futuro e la scoperta di come ognuno abbia una sua impronta unica da lasciare. Conoscere l’altro da sé e rispettarlo: questa è la ribellione alla concezione omologante e discriminante, purtroppo diffusa, a cui si invitano gli studenti. È una sfida difficile, ma l’unica possibile per rifiutare i limiti della paura, connettersi alla società reale e a una convivenza civile in cui ogni differenza ha dignità e valore.
Il progetto si rivolge alle classi delle scuole secondarie di II grado con una serie di risorse educative multimediali, concepite per informare, ma anche esplorare e indagare con differenti modalità il fenomeno della neurodiversità e disattivare le forme di discriminazione e bullismo contro gli studenti più fragili.
È un percorso tutto da inventare insieme agli studenti, partendo dalle molteplici riflessioni suscitate dal tema, mettendo in gioco pregiudizi e conoscenze stereotipate e nello stesso tempo curiosità e spirito critico.

La prima fase di questo progetto educativo vedrà la proiezione, in numerose scuole d’Italia, del docu-film “Tommy e gli altri”. Scritto da Gianluca Nicoletti e interpretato insieme al figlio autistico Tommy, il film vede alla regia Massimiliano Sbrolla ed è stato interamente finanziato attraverso una raccolta fondi e crowdfunding promossa dalla Onlus Insettopia.

Ora, grazie al sostegno del MIUR e al contributo di Sky Italia e di Scuola Channel, “Tommy e gli altri” sta per partire per un tour di proiezioni gratuite dedicate appunto alle scuole. Al termine di ciascuna proiezione è anche previsto un dibattito a cura dei rappresentanti dell’ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici).

Il Tour si terrà tra febbraio e marzo 2018 e coinvolgerà le città: Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Genova, L’Aquila, Latina, Milano, Napoli, Novara, Padova, Palermo, Prato, Reggio Calabria, Roma, Torino e Udine.

PRENOTA LA PROIEZIONE GRATUITA PER LA TUA CLASSE …clicca qui