ForTI per AGIRE: attivo il numero Whatsapp per i migranti vittime di discriminazione

ForTI per AGIRE: attivo il numero Whatsapp per i migranti vittime di discriminazione

E’ attivo dal primo di settembre il servizio telefonico per persone migranti che vivono in condizioni di disagio e/ o di discriminazione. Sarà possibile contattare esclusivamente attraverso SMS e messaggi whatsapp il seguente numero: +393755844245. A rispondere, entro 24 ore, saranno gli operatori del servizio (un operatore sociale, un mediatore culturale ed un avvocato) che offriranno un primo aiuto e orienteranno le persone nelle scelte da compiere per gestire le situazioni di difficoltà.

Il servizio rientra nell’ ambito del progetto ForTI per AGIRE – “Formazione Tecnica agli Immigrati per Attuare e Gestire Iniziative di Responsabilità Etica, sostenuto dalla Fondazione con il Sud, con l’obiettivo di potenziare le attività di formazione per volontari e le attività di inserimento lavorativo ed accompagnamento alla creazione d’impresa per immigrati. L’iniziativa vuole valorizzare il ruolo degli immigrati nel contesto territoriale in cui vivono, favorendone l’inserimento sociale e lavorativo, diffondendo nel contempo sul territorio di Napoli una cultura dell’integrazione e della collaborazione nella comunità dei cittadini italiani e stranieri.

La rete di progetto è composta da Mani Tese Campania, Acli – Sede Provinciale Di Napoli, Associazione Vivamente, Centro Shalom, Comitato Provinciale Arcigay Antinoo Di Napoli, Movi Federazione Provinciale Di Napoli che saranno impegnate a sviluppare percorsi formativi per i volontari delle associazioni e nelle scuole; azioni di inserimento lavorativo per stranieri tramite la realizzazione di tirocini presso la bottega del commercio equo di ‘Mani Tese Campania’ e la gestione di diverse coltivazioni biologiche locali a Km 0; presentare di istanze di finanziamento al ‘comitato microcredito’ del rione Sanità per avviare microimprese; azioni di monitoraggio delle condizioni delle persone richiedenti asilo nelle strutture di accoglienza.

Per maggiori informazioni sul progetto…clicca qui