Etiopia, in viaggio in un paese in stato di emergenza (permanente)

Etiopia, in viaggio in un paese in stato di emergenza (permanente)

La strada da Addis a Zwai ci è apparsa disastrata: dicono che siano stati i rivoltosi, ma in alto non hanno fatto, all’inizio, niente per impedire lo scempio di questa importante arteria che collega Addis al sud”: a scriverlo è Marisa, ginecologa e volontaria del GMAnapoli, organizzazione di volontariato che da più di dieci anni si affianca alla popolazione di Shashamane, in Oromia, Etiopia.

Il paese africano è tornato in auge nella cronaca italiana non solo per la centralità che Addis Abeba ha assunto nel corso degli ultimi anni – sede dell’Unione africana, è stato luogo di incontro dei potenti del mondo durante la terza e ultima Conferenza internazionale sul Finanziamento per lo Sviluppo. Si parla di diritti civili e umani negati da quando il governo di Desalegn ha dichiarato lo stato di emergenza per via dei conflitti interetnici in atto, tra Oromo e Amahara, da una parte, e la minoranza tigrina al potere. Almeno 500 sono le persone morte nei conflitti sul territorio, mentre non si contano i detenuti e i dispersi.
Come recita un proverbio africano, quando gli elefanti lottano, è l’erba a soffrire: le fasce più deboli della popolazione, donne e bambini, sono terrorizzate. La vera emergenza – e non è uno stato temporaneo, ma permanente – è quella che causa povertà e miseria, colpendo ripetutamente queste genti inermi: “Aziende e case sono state saccheggiate e poi bruciate. La tardiva risposta del governo è stata violentissima, con sparizione di persone e cadaveri. Le carceri sono stracolme e chissà se ci permetteranno di andare a far visita alle donne del nostro progetto”. Marisa racconta della realtà che vede con i suoi occhi, nella strada che conduce a Shashamane, dove si trova la Missione che collabora con il GMAnapoli nei progetti di solidarietà a questa comunità martoriata, in particolare degli ex bambini di strada e donne sole. L’intento, da sempre, è quello di accompagnarli in un difficile percorso di crescita, costruendo una strada che abbia basi solide, fatte di istruzione, lavoro, autonomia, formazione e dignità, piuttosto che di malnutrizione e povertà.

Nunzia e Marisa, volontarie GMAnapoli, saranno in Etiopia sino alla fine del mese. Sul sito dell’associazione, www.gmanapoli.org, è possibile seguirle virtualmente, leggendo il loro diario di bordo, presente anche su Facebook, sulla pagina GMA Napoli.
Non esitare a contattare l’associazione per conoscere i progetti in atto e per prenderne parte sostenendoli, in forma di volontario e/o donatore, aiutando l’associazione nella realizzazione di grande sogno: quello di un mondo più bello, perché più giusto!

Per maggiori informazioni:
www.gmanapoli.org
gmanapoli@gmail.com
FB: GMA Napoli
Instagram: gma_napoli
081.804.3778