Emergenza freddo, al via la campagna dell’UNHCR a favore dei rifugiati

Emergenza freddo, al via la campagna dell’UNHCR a favore dei rifugiati

Centinaia di migliaia di famiglie con bambini costrette a fuggire da guerre e conflitti per salvarsi la vita affronteranno il primo o l’ennesimo inverno lontano da casa. Per questo motivo l’UNHCR, organizzazione istituita nel 1950 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per guidare e coordinare, a livello mondiale, la protezione dei rifugiati, organizza una raccolta fondi per l’acquisto di coperte, teli di plastica, materiali di isolamento, stufe, fornelli e vestiti invernali per affrontare l’inverno. Le temperature gelide si avvicinano sia per chi ha raggiunto l’Europa, sia per chi si trova nei campi in Giordania e in Libano. Chi vuole può contribuire ad assicurare a tutti i bambini rifugiati coperte, abiti pesanti, maglioni, sciarpe, guanti. Per le famiglie siriane rifugiate questo sarà il quinto inverno lontani dalle proprie case. La guerra che affligge la Siria ha costretto più di 4 milioni di persone a scappare. Lo scorso inverno è stato particolarmente rigido e pesante, con numerose tempeste di neve che hanno colpito la regione della Valle della Bekaa, in Libano, dove hanno trovato rifugio migliaia di persone. Le temperature sono scese fino a -15 gradi centigradi e le tempeste hanno ricoperto le abitazioni di fortuna dei rifugiati anche con mezzo metro di neve. In Giordania, i rifugiati nei campi hanno subito danni ai loro alloggi a causa dei forti venti e delle inondazioni, mentre la maggior parte delle migliaia di persone che vivevano fuori dei campi sono sopravvissute a stento alle notti gelide.

Tu puoi fare la differenza nella loro vita, una coperta può salvarli. Per aderire all’iniziativa www.unhcr.it